Ricordo in un sushi bar di Tokyo una sequenza di Nigiri sushi con topping di tonno e di calamaro leggermente grigliati, passati davanti al mio sguardo, per pochi istanti, su un piccolo barbeque che non emetteva fumo. Ricordo ancora il contrasto fra il sottile strato di superficie della fettina di tonno, caldo, con un leggero sapore di cenere. 
Il sapore ed Il profumo di grigliato, con la fresca morbida fragranza della carne cruda del pesce. Chiesi al sushi chef quale tipo di carbone potesse dare quel sapore favoloso di grigliato, e conobbi il binchotan, il carbone vegetale giapponese a lenta combustione, che può essere di vari legni pregiati, ma il più comune è appunto quello di bambù. 


Andiamo a cercare la bistecca più pregiata, la migliore chianina o addirittura la wagyu, spesso spendendo una fortuna per regalare a noi stessi ed ai nostri amici un'esperienza gastronomica che ci auguriamo resti indimenticabile. Ma poi, mettiamo nel nostro barbeque la carbonella che acquistiamo al supermercato in sacchi da 3 o 5 kg, pieni di polvere di chissà quale legna compressa in pasticche.
Sarebbe il caso forse di mettere i buoi davanti al carro e di invertire l'ordine della scelta. La carbonella, non è solo una fonte di calore. La sua combustione contribuisce a conferire in misura rilevante, agli alimenti in cottura, fumi, sapori e consistenza delle carni e dei vegetali.
Quindi, se non potete personalmente selezionare la legna, se non avete il tempo di farla ardere per ore fino ad ottenere della brace in grado di cuocere senza bruciare la vostra pregiata bistecca, conviene selezionare un carbone di qualità.
Il carbone di bambù è un carbone portato a combustione a temperature elevatissime e che viene solitamente usato per purificare l'acqua e l'ambiente, grazie alla sua micro porosità, in grado di catturare le sostanze chimiche e tossiche, nonché gli odori sgradevoli.
Lo si trova, per le sue proprietà benefiche, in prodotti cosmetici ed in innumerevoli oggetti per la casa, come nei cuscini, e nei materiali edili. Il carbone di bambù in varie forme è un elemento molto presente nelle case Feng Shui.
E' utilizzato in polvere anche a scopi alimentari, come ad esempio per fare il pane nero o il miele nero.
Ma ciò che più qui interessa è il fatto che, usato nel barbeque, produce un forte calore che garantisce una cottura uniforme degli alimenti, senza bruciarli, senza conferirgli odori e sapori sgradevoli. Inoltre non produce fumo, ha una combustione ad alta intensità di calore, ma lenta e che dura a lungo. Ideale per essere utilizzato nelle cucine professionali.
Cucinato con il carbone di bambù qualunque alimento ha un sapore speciale e la differenza si sente.
È un valore aggiunto alle grigliate di qualunque genere a cui, chi lo prova non puo più' rinunciare.
Nipponia propone un binchotan di bambù in pezzi interi