Ogni giorno, in tutto il Giappone, milioni di persone dividono un paio di waribashi (bacchette usa e getta) che vengono acquistati con i loro pranzi al sacco presso i negozi di alimentari o sono forniti dall'attività presso cui hanno deciso di cenare.
L'Agenzia forestale del governo giapponese stima che in Giappone ogni anno vengono utilizzati in Giappone 25 miliardi di paia di waribashi - che si traduce in circa 200 paia procapite. E' l'equivalente alla quantità di legname necessaria per costruire 17.000 case di 120 metri quadrati. Oppure, se si prende una tipica waribashi di 20 cm di lunghezza, i 50 miliardi di quelli (quei 25 miliardi di coppie) si estendono per una distanza di 10 milioni di chilometri - abbastanza per circondare l'Equatore della Terra 250 volte!
Recentemente, la consapevolezza del costo ambientale di Waribashi ha dato luogo ad un movimento che sta crescendo costantemente in popolarità.

Il movimento è conosciuto in japlish (il gergo che miscela giapponese e inglese) con il nome di MyHashi, comporta l'uso di hashi personali invece di quelli forniti come parte del servizio e poi gettati. Naturalmente, finché vengono lavati in modo adeguato, i My-Hashi sono riutilizzabili come un coltello e una forchetta.
Mentre questa tendenza ecologica si avvicina all'Europa, uno dei più noti utenti del My-hashi in Giappone è la 23enne Shiho Fujita. Questa giovane donna carismatica è diventata famosa in Giappone quando, all'età di 19 anni, ha istituito la propria azienda, SGR Inc., che commercializza cosmetici, profumi, scarpe e abbigliamento per ragazze.
Ma in quel momento Fujita non era molto più di un attivista ambientale.
"Ho cominciato a diventare più eco (ecocompatibile) quando ho notato le spazzature che rimanevano per le strade nella zona di Shibuya di Tokyo", ha detto Fujita.
Così lei e un'amica hanno deciso di raccogliere i rifiuti nei vari parchi intorno a Shibuya - luoghi come Sakuragaoka, Miyashita e Midake - il lunedì mattina prima di iniziare a lavorare nel loro ufficio vicino.
"Mi è sembrato bello vedere i parchi più puliti e, inoltre, è stato molto divertente", ha detto.
Non molto tempo dopo è stata introdotta al concept di My-hashi e ha iniziato ad usarli da allora. All'inizio non si rendeva conto che scegliendo semplicemente quali tipi di bacchette usare, poteva diventare più eco-friendly.
Ma poi, il 13 agosto 2007, Fujita ha portato 110 altre giovani ragazze e modelle per le strade di Shibuya, ognuna di loro brandendo il proprio My-Hashi, in una manifestazione parte di un evento chiamato La Eco Fashion Parade.

"E 'stato un grande successo, e molte delle giovani donne che l'hanno visto hanno detto che avrebbero iniziato ad usare il My-Hashi", ha detto Fujita. Per scoprire quanti waribashi sono stati utilizzati e poi gettati in una giornata tipica di un ristorante, ho girato iper ogni angolo del potente edificio del JT (Japan Tobacco) per chiedere una collaborazione.
Shokudo Shogetsu è un ristorante economico da 20 posti, che è sul mercato da circa 50 anni, e la sua semplice e accurata tariffa giapponese assicura che sia il locale preferito frequentato da impiegati di quartiere e camionisti di passaggio.
Il direttore gentilmente ha accettato di mettere i waribashi utilizzati dai clienti di un tipico giorno lavorativo, in un sacchetto di spazzatura che ho fornito. Quando sono andato a prendere la borsa il giorno seguente, era pieno di circa 120 paia di bacchette usate, e molti scarti di cibo.
Semplicemente moltiplicando quelle 120 coppie di waribashi di 20 cm di lunghezza, per il numero di giorni al mese che il ristorante è aperto, ti dice che questa piccola struttura da sola produce uno scarto di circa 2.400 coppie ogni mese. Forse questo non è molto in termini di grandi numeri, ma moltiplica 2.400 coppie di waribashi per decine di migliaia di ristoranti presenti nell'intero Giappone ogni mese e la mente impazzisce al risultato mostruoso che si ottiene di questo scarto di legname trasformato.
Il mio suggerimento al direttore del ristorante - vedilo come un segno di pace - era che doveva smettere di usare le waribashi e, al loro posto, avrebbe dovuto passare a bacchette laccate a buon mercato che possono essere lavate e riutilizzate molte volte. Ma lui ha tagliato il mio suggerimento in un colpo solo. "Molti anni fa, abbiamo fornito le bacchette riutilizzabili, ma se non avessi cambiato politica, i miei clienti oggi non verrebbero più", ha detto. "La maggior parte di loro era preoccupato che le Hashi riutilizzabili non fossero correttamente sanificate".
Così, il ristorante optò per utilizzare le waribashi usa e getta, che costano 100 euro per una scatola da 3.000 paia, prodotti con legno di shirakanba (betulla bianca giapponese ). Un impiegato che lavora in un ufficio vicino confessa che non aveva il My-Hashi ma stava pensando di comprarne una coppia. Infatti, il direttore del ristorante mi ha detto che ha diversi clienti, sia maschi che femmine, che portano il My-Hashi con se per mangiare.
Una società che vende My-Hashi chiamata My Hashi My Heart che con i suoi prodotti ha guadagnato il prestigioso premio GoodDesign fornito dall'organizzazione promozionale del design industriale del Giappone.
A differenza della maggior parte delle bacchette riutilizzabili che vengono vendute in Giappone a paia, ciascuno dei miei hashi My Heart My-hashi viene venduto separatamente, per 2,50 euro, presso la catena dei negozi convenzionali Natural Lawson o online. Disponibile in una gamma di 30 colori, My Hashi My Hearts offre anche alle persone più fashion addicted come Fujita, l'opportunità di coordinare in modo colorato i bastoncini-posate con il trucco o qualsiasi altra cosa - e nessuna scusa per gettarli via dopo l'utilizzo.
"La gente nota quando li uso nei ristoranti, quindi spesso diventano un punto di discussione", dice Fujita. "Ci sono anche alcuni posti che li laveranno per me dopo."

Secondo il sito web di My Hashi My Heart, il 97 per cento dei waribashi giapponesi è ora importato, con il 90 per cento proveniente dalla Cina, di cui il 67 per cento sono provenienti da legname raccolto in Russia o in Mongolia.
Ciononostante, la Cina è lontana e la più grande creatrice del mondo di waribashi, con i dati più recenti, per il 2006, stimando che più di 300 impianti impiegano 60.000 lavoratori. Dal 2000 al 2006, il paese ha esportato 165.000 tonnellate di bacchette, di cui circa 15 miliardi di coppie hanno trovato il loro mercato in Giappone e Corea del Sud.
Ma non è tutto il destino luminoso sul fronte dell'ambiente. Invece di eliminare i loro waribashi usati nel bidone delle immondizie, alcune persone in Giappone li stanno ora riutilizzandoli come materie prime da cui produrre borse, lampade e cestini. E poi, in un processo minuzioso che mette in evidenza questa risorsa sprecata, Shuhei Ogawara, residente della prefettura di Fukushima, ha passato tre mesi a incollare 7,382 waribashi che recuperò dalla caffetteria locale, per creare una canoa di 4 metri. È sicuro che galleggerà.
Come tali iniziative suggeriscono, se la tendenza My-Hashi affonda o nuota, alla fine sarà una questione delle scelte dei singoli.
"Piuttosto che avere una sola persona a fare cose ecologiche tutto il giorno", dice Fujita, "tutta la gente che fa una sola eco cosa al giorno avrà più di un effetto complessivo".